Perché leggere PROGENIE DEGENERE?

Non è un libro buonista, tantomeno un racconto romanzato a tinte rosa o uno storico polpettone variegato di copia-incolla e codizionamenti storicistico-ambientali; neanche si pone come riscatto ad un senso di colpa latente o acclarato, di cui il protagonista è assolutamente privo. Certo l'irragionevole troverà una spiegazione, un epilogo, ma non è questo il punto. Ho raccontato una storia senza sentirmi "giudice". Ho guardato con gli occhi del male una realtà divenuta adulta dopo l'abuso e di come l'abuso sia capace di mescolare sangue e sensi, anche là dove l'amore non c'entri. C'è una strana e insana empatia tra Samuel ed Ela, morbosa e gridata per lui (Samuel), silenziosa e invasiva per lei (Ela). Sono stati generati dal male ed è dal male che degenerano.

.

venerdì 29 dicembre 2017

IL CENONE DI CAPODANNO

Amico mio, se sei sopravvissuto al Pranzo di Natale, ora ti tocca il Cenone di Capodanno. Come ci sei arrivato? Grazie al bombardamento massmediatico, giunto al parossismo dopo il palleggio subliminale del panettone spumato, i lassativi e la pomata per le ragadi. Questo siamo per il sistema consumistico: maiali civilizzati, con le emozioni nell'intestino e l'abbonamento alla farmacia. E allora sai cosa dovresti fare? Sovvertire il sistema, quello che ti vuole grasso e stordito. Ignora il cenone pantagruelico e passa direttamente a una sana colazione, senza cadaveri di animali nel tuo piatto con contorno di lenticchie. Risparmia al tuo corpo una digestione da leone, perché non ti aiuterà mettere indietro la bilancia di almeno 3-4 Kg; o nascondere sotto il piede il bottone scoppiato, mentre ti avviti la cintura. Neanche il senso di colpa riuscirà a darti un alibi credibile, se hai bisogno di fagocitare per dimenticare quello che sei realmente. Apri gli occhi e qualche volta chiudi la "benedetta" bocca, perché il nuovo anno arriva anche se non lo festeggi con smembramenti di animali farciti. Buon Anno.  


Nessun commento:

Posta un commento

CORREZIONE GRAMMATICALE E SINTATTICA. EDITING...